Pubblicato il

Ritorno al Futuro. Dormire sulla Natura!

Brevi cenni storici sul materasso

Come dormivano nel passato, di seguito alcuni cenni sugli antenati del materasso.

Nel Neolitico l’uomo era solito crearsi una zona confortevole dove dormire.
Già allora non si dormiva per terra, ma ci si stendeva sopra un ammasso più o meno sistemato composto da ciò che si riusciva a recuperare, come del fogliame, della paglia e delle pelli di animali, le quali avevano anche il vantaggio di tenere caldo.

Nel 3.600 a.C. i Persiani, precursori del materasso ad acqua, dormivano sopra soffici pelli di capra che riempivano con acqua.

Gli Egiziani nel 3.400 a.C. usavano delle foglie di palma per dormire.

I più recenti Romani, intorno al 200 a.C. fecero dei grandi passi in avanti rispetto ai propri antenati, infatti dormivano su dei giacigli realizzati con grandi sacchi contenenti al loro interno vari materiali: fieno, piume di uccelli e lana.

In generale il materasso si presenta sempre come un involucro contenente piume, paglia, ma anche baccelli di pisello, ma l’involucro era più prezioso: seta, velluto o cotone.

Tra il 1700 ed il 1800 si dorme su un materasso più stabile con delle canne di bambù agli angoli, con cotone, lana e cocco all’interno, e lino e cotone all’esterno come fodera.

Nel 1871 viene inventato il materasso a molle, poi il resto è ben noto a tutti.

Il presente

Come sono prodotti oggi i materassi

Materassi a molle, schiume, poliuretani, lattice, lana, cotone, materiali misti.

Molle, schiume e poliuretani non sono biodegradabili quindi il problema sta nello smaltimento dei materassi.

Oggi tutti i materassi realizzati con espansi o poliuretani sono prodotti che necessitano di uno smaltimento particolare e differenziato.

Da qui che nasce Extra Flex con i suoi prodotti “Hand Made” realizzati a molle e da altri prodotti “del passato”.

Parola d’ordine traspirabilità! Ma grande attenzione anche alla biodegradabilità del prodotto materasso.

i materiali naturali usati

L’unico materiale non biodegradabile sono le molle.

Tutti gli altri materiali si decompongono da soli poiché sono completamente naturali.

Ci è piaciuto che Extra Flex “ricerchi l’eccellenza”. Eccellenza ma anche perfezione fatta di “dettagli, piccole intuizioni che si traducono concretamente in prodotti unici, particolari ed esclusivi“.

E ci piace che questi materassi siano prodotti con materiali naturali e sani, i più naturali e sani presenti in commercio, senza utilizzo di colle e altri prodotti tossici.

 

Di seguito una carrellata dei materassi realizzati con materiali naturali

Per concludere riteniamo che nell’era del benessere non si possa non prendere in considerazione la possibilità di dormire come natura comanda.

Affidandosi a gente seria in grado di fornire prodotti che salvaguardino la salute di chi li usa.